www.questomeseidee.it - anno 4 numero 10 - dicembre2016/gennaio 2017
L’ultimo lungomare
- marzo 2014 -
di Roberto Barucco
A cercar la bella estate, ultima consolazione prima dell’avvio dei giochi d’autunno. Del tempo d’autunno. Che agosto sarà? Ricordiamo, visto che l’età consente di compiere le prime, generali, prove di rimpianto, almeno che agosto era. Trent’anni e più fa. Estate 1982. Flashback di parole. Mondiali, vinti. Campioni del mondo. Estate di notti prima degli esami. Di “vesponi” e cuori che battevano forte. Via. A cavallo della Cisa. Giù, verso il richiamo ormonale della riviera romagnola, il suo sole, le sue rotondità generose, le sue promesse. Profumo di mare, spiagge. “Paste, pizze, bomboloniii…”. L’incedere incalzante della voglia d’un piacere a prova di trigliceridi dopo il bagno. Morsi alla crema e al sale, mentre il sole brucia. Spiaggia al profumo di cocco e “coccobello”, abbronzanti e pitosforo. Niente telefonini. Niente tablet. Nessun videogame. Solo riti ciclici da mare. Gavettoni di ferragosto. Lunghe camminate, battute sotto l’ombrellone, piste da biglie scavate trascinando l’amico per i piedi, costumi pieni di sabbia, sguardi a picco sul bikini della vicina di lettino. E angurie la sera. Da aggredire fetta dopo fetta. Una piadina cotta sull’ardesia, l’arzdora che sorride, ci sta anche il bicchiere di sangiovese. Spiedini cotti al molo sulla carbonella rovente. La sera, a volte, una telefonata a casa. Per riemergere da una quotidianità nuova e inclusiva. Tempo di schede e gettoni, monetine, in vecchie, care lire, e cabine telefoniche affollate. Lo struscio, il gelato, le risate con gli amici. Parlarsi. Chiacchierare. Cazzeggiare senza sms, senza social, senza tempo. Connessi solo con l’anima. E quella notte profumata che sembra eterna, capace di abbracciare chiunque, comunque, fino all’alba. Estate da consumarsi senza fretta, mentre sui primi maxischermi scorrono immagini sfuocate, almeno fino al tramonto e alla luce giusta, d’un Mondiale indimenticabile, le discoteche accendono i loro richiami nel buio, il cinema all’aperto stuzzica chi dal balcone della pensione pregusta uno spettacolo a sbafo, i bagni di mezzanotte anticipano amori d’un giorno e l’ultima bicicletta scompare al ritmo d’una pedalata indolente al margine estremo del lungomare.
Tutte le notizie di Editoriale

MECCANICA DELLE IDEE Snc di Elena Landi e Roberto Barucco | 25121 Brescia, Via Crispi 28 | C.F. e P.Iva: 03265040984 Aut. Trib. Bs n.ro 16/2013 del 17 giugno 2013 | Direttore responsabile: Roberto Barucco Coordinamento editoriale: Elena Landi [email protected] | Chi siamo | Dove siamo | Skype meccanicadelleidee
Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy
Apple e il logo Apple sono marchi di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.
App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.
Powered by Luca Sabbadini