www.questomeseidee.it - anno 5 numero 1 - febbraio 2017
“Quindicianni” sono belli?
- febbraio 2017 -
di Enza Corrente Sutera
E ti pareva se anche oggi non mi beccavo una ramanzina! In classe tutti a far casino contro il prof di ita che c’impone una estemporanea e zac, nota disciplinare per tutti. E non fai in tempo a tornare a casa e già tutto il parentado è informato...

"Quindicianni". E ti pareva! 

E ti pareva se anche oggi non mi beccavo una ramanzina! E non c’entro per niente! In classe tutti a far casino contro il prof di ita che c’impone una estemporanea e zac, nota disciplinare per tutti. E non fai in tempo a tornare a casa e già tutto il parentado è informato, per quel maledetto registro elettronico che tra un po’ racconterà anche se sei andata ai servizi o se hai mangiato i crakers all’intervallo.  Eh no!  Almeno avere il tempo di dare prima a mami la propria versione dei fatti!  E  invece devi sempre giocare in difesa, giustificarti, raccontare che tu non c’entri, che  non  sei responsabile di quella contestazione, e poi ancora bla bla bla…

Pure i divieti!

E poi ci si mettono pure i divieti! Questo no e quell’altro neppure. Questo non è giusto e questo non si deve fare; questo non lo devi chiedere  e quell’altro  nemmeno pensare. A volte mi sento un fiume in piena, so che non posso trattenere i pensieri e li scrivo dovunque; mami mi racconta di una sua amica poetessa che scriveva versi dove capitava, sugli scontrini, sui biglietti del bus, sui tovagliolini del bar: anch’io mi ritrovo a far così; ma le mie non sono poesie, magari!, solo frasi che penso e poi, quando le rileggo –perché confesso che mi piace proprio rileggerle magari dopo un po’-, mi capita di ridere come una matta: ma sono io che ho scritto quelle cose? cose arrabbiate, cose stupide, cose leggere, cose… amorose. E sono cose che parlano di me e del mondo. Certo che raccolgo questa quantità infinita di “pizzini”, che non c’entrano certo con la mafia ma con mami che spesso s’arrabbia se li vede in giro e…sa che non deve buttarli, se no faccio casino.

Sorridere è meglio di grugnire...

Quindicianni. E mami ha sempre qualcosa da dire; e allora ho fatto un elenco e me lo sono appeso nella porta di camera: sorridere, non frignare, non dire parolacce, sistemare la camera, portare fuori il cane e lo sporco, non tornare tardi, usare il diario per fini scolastici, ricordarsi che le cariche del cellu costano, che studiare serve e non studiare no, che studiare senza cuffie è meglio, che non si può avere tutto quello che si vuole…, che bisogna dare limiti a nutella e cioccolato. E mami ne ha aggiunto uno suo di foglietto:  sorridere è meglio di grugnire, dietro le nuvole c’è sempre il sole, anche senza quell’oggetto così desiderato si può vivere… A volte penso che è più facile parlare così con mami che dicendoci le cose sul grugno: magari in quel modo ci arrabbiamo perché io le risposte non me le tengo, anzi, a volte sono un fiume in piena e poi chi mi ferma più? A lei tante cose di me non vanno, a volte me lo dice, altre volte me lo fa capire; lo so che “ lo fa per il mio bene”, ma io mi trovo a pensare che una testata contro il muro non mi farebbe poi così male, perché mi deve impedire in tutto? Per esempio mami mi dice che per essere eleganti occorrono un filo di perle, un filo di tacco e un filo di trucco: e se a me le perle fanno schifo e adoro le ballerine e non voglio truccarmi? Infatti mi definisce maschiaccio, predestinata ai brufoli per via della nutella e a perenne rischio bocciatura per impegno scolastico pari a zero.

Mami, cosa sai di me?

Mami, cosa sai di me? Sono innamorata persa, lui è qualche centimetro più basso di me e non mi trucco perché a lui non piace. Contenta adesso? o ti devo anche dire chi è e cosa fa? Ma avrò diritto ai miei segreti, o no? Che poi è un segreto del cavolo perché a scuola lo sanno tutti. Anche lui che fa il figo e non mi fila. E io come faccio a non essere incacchiata con tutti? E lui come fa a non vedermi? Oppure mi vede e lo sa. E allora è doppiamente stronzo. E io doppiamente incacchiata. O è forse per questo che non mi vede?  Perché ha ragione mami quando dice che sorridere è meglio di grugnire? Perché al sorriso si risponde col sorriso e al grugnito col grugnito? Ok, domani cambierò e sfodererò tutta la mia dentiera in evidenza.

E poi dicono che "quindicianni" sono belli. E finisci per fare quello che ti dicono gli altri. Mami, innanzitutto.

Tutte le notizie di DONNE CHE

MECCANICA DELLE IDEE Snc di Elena Landi e Roberto Barucco | 25121 Brescia, Via Crispi 28 | C.F. e P.Iva: 03265040984 Aut. Trib. Bs n.ro 16/2013 del 17 giugno 2013 | Direttore responsabile: Roberto Barucco Coordinamento editoriale: Elena Landi [email protected] | Chi siamo | Dove siamo | Skype meccanicadelleidee
Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy
Apple e il logo Apple sono marchi di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.
App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.
Powered by Luca Sabbadini