www.questomeseidee.it - anno 5 numero 7 - settembre 2017
Tempo d’estate
- luglio 2017 -
di Roberto Barucco
Il tempo d’estate di noi bambini degli anni Settanta era segnato da secondi solari, foglie verdissime, costumi da bagno che riapparivano dagli armadi, preparazione di vacanze. Per alcuni, addirittura, di villeggiature lunghe tre mesi. Mare e montagne, colline, laghi, fiumi erano gli amici dei piccoli. Via la borsa a tracolla, la cartella, via i libri. Due raccomandazioni della maestra, i compiti delle vacanze. Ciao agli amici e compagni di banco. L’anno finiva lì, alle soglie dell’estate.

Tempo d’estate. Di giorni d’indipendenza, vera o pensata. L’Italia si sveglia al primo sole e riscopre puntuale le vacanze. Le ferie, o la feria, se preferite, di luglio e d’agosto ci consentono di viaggiare nel mondo appena intravisto tra le brume d’inverno, progettato con passione tra una scadenza e l’altra della vita.

C’è voglia di allegria, di lasciarsi alle spalle l’anno, in questa estate. Nonostante i missili in Corea, le guerre, le tragedie senza fine, il dramma dei profughi e di chi cerca un mondo possibile nella vecchia Europa, il lavoro che non c'è, i disastri climatici.

Da bambino, forse era l’effetto della scuola, ricordo che l’estate, molto più di Capodanno e dei riti della settimana di Natale, scandiva i tempi di quell’epoca iniziata a ottobre e che si chiudeva puntualmente con la Festa della Repubblica e i tricolori appesi.  O con le aule che servivano per allestire i seggi delle immancabili elezioni anticipate (ricordate? Quelle con il 'proporzionale', dove tutti avevano sempre vinto…).

Il tempo d’estate di noi bambini degli anni Settanta era segnato da secondi solari, foglie verdissime, costumi da bagno che riapparivano dagli armadi, preparazione di vacanze. Per alcuni, addirittura, di villeggiature lunghe tre mesi. Mare e montagne, colline, laghi, fiumi erano gli amici dei piccoli. Via la  borsa a tracolla, la cartella, via i libri. Due raccomandazioni della maestra, i compiti delle vacanze. Ciao agli amici e compagni di banco. L’anno finiva lì, alle soglie dell’estate.

E quando, il primo ottobre, ci si ritrovava, era il momento dei racconti, dei ricordi dell’estate, della narrazione di eventi, per noi, epici e semplici.

Era il nostro Capodanno. E quell’inizio d’estate aveva la valenza di uno spartiacque che ci avrebbe accompagnato, dalla bicicletta al motorino, dalla voce candida alla pubertà e all’acne. Poi arrivava la maturità e tutto poteva essere diverso. E anche il Capodanno avrebbe ripreso il suo potere e il suo ruolo.

Però, quell’estate, che ora vorrei rivivesse con la sua magia, con la stessa serenità anche per mio figlio, appariva bella e viva e da scoprire, con giorni lunghissimi e condita da grandi attese. Bella come la nostra Italia e carica di tutti quei sentimenti che vi auguro davvero di vivere, ritrovare, cercare, anche quest’anno. Non importa per quanti giorni, o dove, o con che risorse economiche, se ancora ne abbiamo e ne avremo. Ma con il cuore di allora. E il sorriso di allora, quando le cicale erano la colonna sonora d’un film appena iniziato e le lucciole, di sera, le "maschere" che ci conducevano ai nostri posti a sedere, vicino al palcoscenico.

Tutte le notizie di Editoriale

MECCANICA DELLE IDEE Snc di Elena Landi e Roberto Barucco | 25121 Brescia, Via Crispi 28 | C.F. e P.Iva: 03265040984 Aut. Trib. Bs n.ro 16/2013 del 17 giugno 2013 | Direttore responsabile: Roberto Barucco Coordinamento editoriale: Elena Landi [email protected] | Chi siamo | Dove siamo | Skype meccanicadelleidee
Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy
Apple e il logo Apple sono marchi di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.
App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.
Powered by Luca Sabbadini