www.questomeseidee.it - anno 5 numero 6 - luglio/agosto 2017
“UN PASSO DAL CIELO 4″: PROMOZIONE MERITATA
- febbraio 2017 -
di Roberto Barucco
La serie è alla quarta stagione televisiva e vince e convince. 24,2% di share, 6.231.000 spettatori per la prima puntata. E nel corso dei successivi appuntamenti i numeri vengono confermati. La fiction che RaiUno ha proposto in prima serata, ha ribadito forza narrativa e affetto del pubblico.

Un Passo dal Cielo, quarta stagione, vince e convince. 24,2% di share, 6.231.000 spettatori per la prima puntata. E nel corso dei successivi appuntamenti con i telespettatori italiani, i numeri vengono confermati.  La fiction che RaiUno ha proposto in prima serata, ha ribadito con i dati di ascolto la propria forza narrativa e l’affezione del pubblico.

Inserire nuovi personaggi in un cast collaudato non è semplice. Il cambio del Comandante della Forestale, da Terence Hill a Daniele Liotti è ancora più complesso da affrontare. Eppure il passaggio di consegne è riuscito molto bene. Daniele Liotti alias Comandante Francesco Neri ha tempi e impostazione ottimi, combinati con la giusta dose di mistero nel suo passato e di ipotesi per il futuro.

Ritmi giusti e calibrati per il grande Francesco Salvi (Felicino Scotton detto “Roccia”), come sempre un punto di riferimento e divertente, centratissimo Huber (il bravo Gianmarco Pozzoli). Buona performance della splendida Rocio Muñoz Morales (Eva Fernandez nella fiction). Scelta valida per le musiche, simpaticissimo come sempre il commissario Vincenzo Nappi (Enrico Ianniello).

Azzeccata la sceneggiatura e la tensione narrativa delle storie che si intrecciano con validi attori, come Tommaso (Tommaso Ramenghi) o Natasha (Caterina Shulha) o la new entry Emma (Pilar Fogliati), l’etologa, con il progetto sul reinserimento dei lupi e la sua lotta contro la malattia. E ancora bene per Livia Neri (Daniela Virgilio). C’è spazio positivo anche per Fedez che interpreta se stesso.

Esordio, nel complesso, più che promettente per questa quarta stagione di "Un passo dal cielo". Non mancano azione, movimento, attenzione agli aspetti ambientali e umani sostenuti dall’ottima regia di Jan Michelini. Piace molto la chiusura della prima puntata sulla frase di Joan Baez: “Non si può scegliere il modo di morire. O il giorno. Si può soltanto decidere come vivere. Ora”.

Attendiamo le prossime puntate. Meraviglioso il lago di Braies, affascinanti le vallate, le Dolomiti e San Candido. Grazie Alto Adige e “Un Passo dal Cielo”: ancora una volta ci avete fatto sentire a casa.

Tutte le notizie di PELLICOLE&PIXELS

MECCANICA DELLE IDEE Snc di Elena Landi e Roberto Barucco | 25121 Brescia, Via Crispi 28 | C.F. e P.Iva: 03265040984 Aut. Trib. Bs n.ro 16/2013 del 17 giugno 2013 | Direttore responsabile: Roberto Barucco Coordinamento editoriale: Elena Landi [email protected] | Chi siamo | Dove siamo | Skype meccanicadelleidee
Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy
Apple e il logo Apple sono marchi di Apple Inc., registrati negli Stati Uniti e in altri paesi.
App Store è un marchio di servizio di Apple Inc.
Powered by Luca Sabbadini